Sente, Greco e Grippa: «Bene la convenzione con Anas, ma vogliamo i dettagli»

Flash News
Termoli sabato 15 febbraio 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Andrea Greco e Carmela Grippa
Andrea Greco e Carmela Grippa © M5s

ISERNIA. «Un incontro sicuramente propositivo che ci fa ben sperare per la risoluzione di un problema annoso come quello della chiusura da oltre un anno del viadotto Sente-Longo». Andrea Greco, portavoce del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale e la portavoce M5S alla Camera, Carmela Grippa, sono soddisfatti del confronto avuto nel pomeriggio di ieri 14 febbraio con il prefetto vicario di Isernia, Laura Scioli.

«Alla dottoressa Scioli, che ringraziamo per la disponibilità, abbiamo ribadito l'importanza del passaggio di consegne tra Provincia di Isernia ed Anas in merito alla gestione dell’infrastruttura. Oggi, infatti, reputiamo Anas l’unico soggetto capace di agire in tempi rapidi per far partire i lavori», hanno detto Greco e Grippa. «Sarà una coincidenza, ma apprendere che la Provincia di Isernia abbia risposto ad Anas dopo mesi di silenzio proprio all’indomani delle nostre forti prese di posizione, non può che farci piacere. Tuttavia non si dovrebbe arrivare a minacciare di incatenarsi per ottenere misure fondamentali per i cittadini. Anche perché, vogliamo ricordarlo, la Provincia aveva annunciato la firma della convenzione già al Tavolo del viceministro Cancelleri,salvo poi attendere mesi per firmarla.


Ora – hanno proseguito Grippa e Greco – è fondamentale capire cosa la Provincia abbia davvero chiesto ad Anas all'interno della convenzione. Ci auguriamo che le istanze, o meglio le controdeduzioni, prodotte dalla Provincia ad Anas siano ricevibili. Come MoVimento 5 Stelle – concludono Grippa e Greco - continueremo a vigilare e a tenere alta l’attenzione su un problema che di fatto ha messo in ginocchio due territori. Infine, a chi vuol far politica su questa vicenda, ricordiamo che l’unica strada percorribile è quella che conduce spediti alla riapertura di una infrastruttura evidentemente dimenticata da chi, già tempo fa, avrebbe dovuto e potuto dare risposte ai cittadini che sono gli unici a rimetterci».