«Ufficio di Presidenza: inciucio tra Pd e Centrodestra, spettacolo indecente in piena pandemia»

Flash News
sabato 21 novembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Valerio Fontana
Valerio Fontana © Termolionline.it

CAMPOBASSO. Sulle nomine all’interno del Consiglio Regionale del Molise è intervenuto il portavoce del MoVimento Cinque Stelle e consigliere regionale Valerio Fontana che parla di «inciuci tra Pd e centrodestra».

«Ieri in Aula si è toccato uno dei punti più bassi della politica molisana: il nuovo segretario dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, Vittorino Facciolla, è stato eletto grazie a cinque voti provenienti dalla coalizione di centrodestra. Il segretario regionale del Partito democratico è stato quindi nominato grazie a voti da ricercare tra le fila di partiti quali Fratelli d’Italia/Michele Iorio, Lega Nord, Orgoglio Molise (il partito di Aldo Patriciello) UDC e il presidente Toma.

Insomma, è calato il velo d’ipocrisia: una vera e propria spartizione di poltrone che testimonia come in Molise non esistono più ideali né distinzione politica, non esistono schieramenti ma solo un grande 'Partito unico' che si spartisce le cariche. In questo quadro drammatico i nostri presidenti di Regione diventano veri e propri governatori ‘usa e getta’ a servizio di questo 'Partito unico': un magma che unisce tutto e tutti da destra a sinistra senza distinzioni.

Ma non finisce qui.
Sempre ieri, sono state ricomposte le quattro Commissioni consiliari. La maggioranza ha deciso di modificarne la composizione aumentando il numero dei componenti della II Commissione, che passa da cinque a sei membri al fine di fare fuori il “dissidente” del centrodestra Michele Iorio...e non ci sono neanche riusciti! Dopo due ore di camera caritatis per tessere la tela di questa ennesima macchinazione, la congiura è fallita per questioni di partito, l'elezione del presidente non ha avuto luogo e così la II Commissione è l’unica a non essere stata costituita e risulta tuttora non operativa.

Se questi esponenti dell'opportunismo politico si adoperassero a risolvere i problemi dei cittadini molisani con lo stesso impegno che profondono tanto quanto fanno per organizzarsi le poltrone, il Molise vedrebbe risolti molti dei suoi problemi. O forse non cambierebbe nulla comunque, visto che riescono a fallire anche nelle strategie di spartizione delle cariche.

Ci dispiace dovervi raccontare queste assurdità in un periodo così delicato, ma abbiamo il dovere di rendervi sempre più edotti del teatrino a cui siamo e siete costretti ad assistere.

In questo triste spettacolo della politica regionale, il MoVimento 5 Stelle in Molise resta l’unica opposizione e la sola alternativa al destino buio a cui questi veterani della politica ci stanno conducendo».