Fca, ripreso il confronto sul rinnovo contrattuale

Lavoro ed economia
Termoli venerdì 11 gennaio 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Riunito il Comitato esecutivo dello stabilimento Fca di Termoli
Riunito il Comitato esecutivo dello stabilimento Fca di Termoli © Termolionline

TERMOLI. Sono terminate anche per le componenti sindacali metalmeccaniche le ferie natalizie e sia mercoledì che ieri, c’è stato un nuovo doppio step relativo al confronto sul rinnovo del contratto aziendale del gruppo Fca.

«Nelle giornate del 9 e del 10 sono stati illustrati da parte sindacale i punti della piattaforma relativi al welfare aziendale, all’inquadramento professionale, alla verifica e alla crescita della professionalità, alla formazione professionale, al diritto allo studio, alla salute e all’organizzazione del lavoro, agli istituti e incrementi retributivi – illustrano le organizzazioni firmatarie del Ccsl - la Parte aziendale ha fornito alcune risposte in tema di orario di lavoro, dichiarando una parziale disponibilità a migliorare alcuni istituti, come ad esempio l’estensione dell’elemento specifico di competitività al ventunesimo turno e a tutti i turnisti tranne i discontinui, un incremento delle ore di permesso con recupero, l’utilizzo a inizio turno dei Par frazionabili utilizzabili anche ad ora singola e l’introduzione nel contratto dello Smart Working e delle ferie solidali.

Sui temi relativi al welfare aziendale c’è una disponibilità a incrementare il contributo a carico azienda sulla previdenza integrativa del +0,3%, mentre sulla sanità integrativa una proposta rispetto alla richiesta di ridurre il costo a carico del lavoratore sarà fornita al prossimo incontro. Altro aspetto affrontato nella trattativa di questi giorni riguardano i temi relativi alla formazione professionale e al Diritto allo Studio per i lavoratori studenti. L’azienda pur valutando positivamente alcuni aspetti di miglioramento degli istituti contrattuali, si è riservata nel prossimo incontro di predisporre una proposta in materia.

Sui temi dell’inquadramento professionale le diverse società hanno presentato proposte differenziate. Nello specifico, per Cnhi ci è stato proposto un mantenimento degli attuali gruppi presenti nel Ccsl e il superamento delle fasce. Un’operazione che in termini sostanziali semplifica il sistema e non crea particolari cambiamenti. Per Fca la direzione aziendale ha evidenziato la propria intenzione di rendere strutturale il sistema sperimentale adottato per gli assunti dopo il 5.7.15, differenziando la proposta per i dipendenti assunti già in forza prima del 5.7.15 e dagli altri. Ai primi introdurrebbe il sistema a 4 fasce con un meccanismo di garanzia per evitare situazioni di peggioramento, per gli altri la proposta è quella delle 3 fasce. Verrebbe poi introdotto un sistema di misurazione della professionalità per misurare e valorizzare le competenze professionali. La delegazione sindacale ha evidenziato la necessità di capire meglio nel dettaglio la proposta, considerando la necessità di evitare situazioni di perdite economiche.

Infine la direzione aziendale ha riproposto il problema dell’assenteismo per malattia e la necessità di regolamentare l’uso della legge 104, come la necessità da parte sua di introdurre alcuni correttivi al capitolo dei Rapporti in azienda e nello specifico dell’art.33 provvedimenti disciplinari.

Nei prossimi incontri previsti per il giorno 24 e 25 gennaio 2018 le parti proseguiranno il confronto sugli ultimi aspetti delle richieste presentate, che riguardano gli incrementi retributivi e il sistema premiante ed infine il tema della salute e sicurezza.

Il negoziato sta proseguendo nel merito con una impostazione utile ad individuare soluzioni condivise, ci sono già alcune risposte positive mentre altre non sono ancora considerate soddisfacenti, ma confidiamo che possano essere definite positivamente nel proseguo della trattativa».