Frana di Petacciato, Federico porta la questione in parlamento

Politica
Termoli venerdì 12 ottobre 2018
di La Redazione
Antonio Federico
Antonio Federico © TermoliOnline.it

PETACCIATO. In una nota, il portavoce Movimento 5 stelle alla Camera dei Deputati, Antonio Federico, dichiara di voler presentare una interrogazione parlamentare sul dissesto idrogeologico di Petacciato.

«Ho deciso di portare in Parlamento la questione della frana di Petacciato perché non è possibile che oltre cento anni di dissesto idrogeologico accertato, decine di eventi franosi, una commissione ad hoc, oltre due miliardi di lire e un progetto da 41 milioni di euro non sono bastati a mettere in sicurezza l’area. Parliamo di un fronte franoso tra i più estesi d’Europa per il quale negli anni ‘90 il Governo istituì una commissione speciale destinando al Molise ben 2 miliardi 700 milioni di lire.

Nel 2016 il Patto per il Molise del duo Renzi-Frattura ha programmato vari interventi nell’area per una spesa prevista di 41 milioni di euro con la volontà di aprire il primo cantiere entro il 2017. Ad agosto scorso, infine, l'attuale governatore Donato Toma è stato nominato Commissario per la gestione dei fondi, ma della frana nessuno sembra interessarsi.

Intanto i disagi continuano: il centro storico di Petacciato rischia di essere trascinato a valle e il fronte franoso ha compromesso la viabilità interna e infrastrutture strategiche come l’autostrada, la ferrovia adriatica e l’acquedotto.

Già in Consiglio regionale nel 2016, insieme a Patrizia Manzo, presentai un’interrogazione sul tema e nei giorni scorsi sono tornato a Petacciato per incontrare i cittadini da anni in lotta per risolvere il problema. Ora ho presentato un’interrogazione al Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, per capire quali sono le attività previste per il consolidamento della frana e qual è il progetto preliminare di riferimento. È importante sapere se i 41 milioni di euro previsti dal Patto per il Molise sono già stati impegnati, quali sono i tempi d’intervento, quali gli indirizzi forniti dal Ministero al commissario per intervenire subito e quali controlli sono stati fatti sulle procedure d’affidamento degli incarichi e sul soggetto attuatore, cioè la Regione Molise.

Il dialogo con il ministero è costante: dobbiamo intervenire al più presto, vigileremo sull’operato del commissario Toma e sulla gestione dei fondi a disposizione.

Seguirò la vicenda in prima persona: qualsiasi cittadino merita di sentirsi al sicuro a casa propria»

Lascia il tuo commento
commenti