Approvato in Consiglio regionale il Piano regolatore del Porto di Termoli

Romagnuolo: «Il Porto di Termoli potrà essere un volano di sviluppo per l’intera Regione»

Politica
Termoli martedì 10 settembre 2019
di La Redazione
Più informazioni su
Approvato in Consiglio regionale il Piano regolatore del Porto di Termoli
Approvato in Consiglio regionale il Piano regolatore del Porto di Termoli © Termolionline.it

CAMPOBASSO. Il Consiglio Regionale ha approvato, nella seduta odierna a maggioranza, il Piano Regolatore Portuale di Termoli di cui si sente parlare da anni.

Licenziato in III Commissione, il provvedimento è giunto in Aula e il Consigliere, Nico Romagnuolo, ne è stato il relatore. Il P.R.P. è un atto di
programmazione urbanistica volto a fornire criteri generali che dovranno essere recepiti nei Piani di Indirizzo Operativo che saranno oggetto di successive approvazioni sulla base della normativa vigente.
L’atto che la Regione Molise ha approvato oggi, prevede, tra le altre cose, lo spostamento a Sud della bocca di porto e un sostanziale stravolgimento dello stato attuale che consentirà, con il dragaggio dei fondali, l’attracco a navi di stazza superiore di quelle oggi possibile e, di conseguenza, rendere l’unica porta sul mare della Regione Molise attrattiva nei confronti di imbarcazioni turistiche medie.
Esprimo piena soddisfazione per la conclusione di questo iter burocratico - afferma Nico Romagnuolo relatore in Consiglio regionale del provvedimento - l’Amministrazione Comunale di Termoli, le Associazioni di categoria, gli Armatori e gli Operatori turistici da troppo tempo attendevano questa risposta da parte della Regione Molise che oggi è operativa e sarà propedeutica per le future iniziative operative. Ringrazio il Presidente D’Egidio e l’intera III Commissione consiliare per il lavoro svolto, il Presidente Toma e l’Assessore Niro per aver dato un’accelerazione all’approvazione del Piano Regolatore Portuale e nel predisporre tutti gli atti che si sono resi necessari. Il Porto di Termoli, sono sicuro, potrà essere un forte volano di sviluppo per l’intera Regione e, se in piena funzionalità ed operatività, potrà far funzionare anche la Zona Economica Speciale Adriatica appena approvata. Potremo intercettare, inoltre, i flussi economici balcanici ed aprirci sull’Adriatico.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Michele Salvatore ha scritto il 10 settembre 2019 alle 20:11 :

    Sarebbe stato opportuno pubblicare un immagine del progetto dato che è disponibile online. L'impressione che si ottiene vedendo il progetto è di una colossale colata di cemento. Non si vuole fare catastrofismo gratuito ma sottolineare come spesso l'idea di progresso da queste parti faccia rima con megalomane. Un progetto di ingrandimento senza senso che trasforma Termoli in una sorta di porto industriale (come se l'esperienza e la lezione dei cantieri navali non fosse già bastata). Vero che si darà la possibilità a navi più grandi di attraccare ma qualche domanda è lecita. A quanto ammonterebbero i costi di mantenimento e manutenzione del porto e la spesa annuale per il dragaggio dei fondali? Se gli introiti previsti (o forse sognati) non copriranno i costi chi pagherà per mantenere una si Rispondi a Michele Salvatore