«Solo confusione e numeri al Lotto», Sbrocca respinge tutto al mittente

Politica
venerdì 13 dicembre 2019
di Francesca D'Anversa
Più informazioni su
La conferenza dem di stamani
La conferenza dem di stamani © Termolionline.it

TERMOLI. Questa mattina si è tenuta la conferenzastampa di minoranza dem. L’ex sindaco Angelo Sbrocca e gli altri consiglieri del centrosinistra dem, Oscar Scurti, Manuela Vigilante e Andrea Casolino (gruppi Pd e Vota per te) non arretrano sulle accuse di vigliaccheria politica, per l’appunto, rivolte martedì scorso all’indirizzo del primo cittadino Francesco Roberti. E’ quanto risposto ieri mattina in conferenza stampa, replicando alle affermazioni del sindaco di Termoli del giorno prima. “Purtroppo si è resa necessaria a seguito delle dichiarazioni di ieri del sindaco Roberti, un sindaco confusionario che ha dato i numeri a lotto e quindi costringendo noi della minoranza a replicare alle accuse mosse.

Il tutto parte da una delibera di consiglio comunale che riguardava un debito fuori bilancio per deilavori di somma urgenza fatti a luglio 2019:

Dal 2019 c è una nuova procedura per questi debiti che prevede dei termini ben precisi che bisogna rispettare, questo non è stato fatto dalla giunta e dal consiglio e sono stati portati in ritardo la delibera: Vigilante

La maggioranza vota la delibera consigliare, contrari noi della minoranza insieme a cinque stelle e sinistra .

Il sindaco dà una risposta accusando del ritardo la struttura e i due dirigenti di aver provocato i ritardi.

Noi abbiamo detto che qualsiasi cosa accada all’interno del comune chi ne risponde è il sindaco, se fosse accaduto durante il mio mandato io avrei chiesto scusa e avrei chiarito io con chi di dovere.

Il sindaco Roberti in questo caso non chiede scusa e da là colpa ai dirigenti questo per noi è un atto di “vigliaccheria politica”, perché queste due persone hanno sempre lavorato con solerzia anche fuori dall’orario di lavoro.

Angelo Sbrocca conferma che i due dirigentiin questione sono stati riconfermati dal sindaco Roberti che poteva benissimo nel momento del suo insediamento procedere diversamente.

La domanda che i dem si pongono è perché un sindaco invece di illustrare la sua attività fa solo conferenze stampe contro il suo predecessore e la minoranza, ma “la risposta èche non fa comunicazione sulle sue attività perché da sei mesi dal suo insediamento non ha fatto nulla ma sta vivendo dei progetti della vecchia amministrazione.

“Inaugurazione di opere fatte da noi: l’ecocentro di fronte allo Scrigno in un ambito di progetto di riqualificazione del quartiere ,la stessa cosa accadrà per la piscina, l’ ìallargamento del Macte, via Udine e così via.

C è un appropriazione indebita di opere nostre ma non sento la sua programmazione, non sappiamo cosa voglia fare.

L’aspetto più grave è stato di aver tacciato la nostra amministrazione di un allegra finanza:parla di atti illegittimi ma quali sono?”

Ieri il sindaco Roberti dice di aver fatto un’istanza al Mef, Sbrocca chiede se non è in grado di farlo da solo e se è così come fa ad accusarci?

“Quello che mi preoccupa di più che oggi noi dobbiamo difendere anche il suo vice sindaco , nostro assessore al bilancio e che sono sicuro che l’abbia fatto in maniera corretta.

Come si può parlare male di una persona che in conferenza stampa era accanto a lui: alloraci viene da pensare che si vuole far fuori questo vice sindaco a livello politico”.

Sempre Sbrocca continua affermando che nell’attualeamministrazione “Il sindaco ha un assessore che era nostro consigliere che ha approvato la nostra politica programmatoria e il bilancio, critica il lavoro di persone che oggi lui ha nella sua giunta: allora o c’è incompatibilità tra il sindaco e il suo vice, c è una schizofrenia politica: lui stesso è stato consigliere per 5 anni all’opposizione perché non ha mai sollevato obiezioni.

Noi abbiamo detto che avremmo fatto in opposizione costruttiva ma davanti a una comunicazione distruttiva non possiamo tacere.

Per quanto riguarda le accuse di debiti fuori bilancio “ È un disavanzo tecnico di un accertamento sui residui attivi del’82, e la Legge di Stabilità ha previsto la cancellazione: che abbiamo ammortizzato in cinque anni creando anche un fondo di garanzia”

Sugli “altri numeri a lotto, sparati dal sindaco quelli sul compenso del consulente che non ha il coraggio di nominare: chiama sindaco ombra, si tratta di Petrosino che ha risposto dicendo che per il residuo chiederò un decreto ingiuntivo al comune” (scherzando ovviamente)

“Una persona- aggiunge Sbrocca-che ha operato per il comune e possiamo chiedere anche a Ferrazzano cosa ne pensa dell’operato”. Sulla questione “rimborsopoli” che gli animi si scaldano “abbiamo chiesto il 20% delle spese che abbiamo sostenuto per viaggi istituzionali, i documenti che cerca non ci sono.

Io andavo con la mia macchina , non con quella comunale che prevede l’autista, sottraendo personale del comune che avrebbe dovuto svolgere il suo lavoro. Così come l’ assessore Gallo, il consigliere Sabella, non c’è nessuna fattura di ristoranti alberghi.

Mi chiedo del viaggio in Polonia fatto poco tempo fa dal sindaco, spero che se lo sia pagato di tasca sua.

“Noi siamo andati in trasferta con i soldi nostri, ha anche parlato di un mio delegato, che ha svolto il lavoro per cinque anni gratuitamente, che è andato a parlare con Rfi per un attraversamento ferroviario previsto, quindi il comune c’entra eccome.

A rispondere alle accuse di “rimborsopoli” è l’ex assessore Gallo: “tutti i rimborsi che io ho richiesto sono connessi ad attività istituzionali e documentati: spesa di trasferta del nostro mezzo,

dovunque ci siamo recati non abbiamo mai chiesto il rimborso delle spese autostradali. Mi sono recato a Roma alla presidenza del Consiglio per la vicenda del Project.

Per quanto mi riguarda mi sembra chiaro che unendo la vicenda di iericon il vice sindaco e il mancato voto alla commissione bilancio al piano triennale , testimonia un disagio di questa amministrazione: si tratta di un suicidio politico o omicidio politico?”

E sulla questione del viaggio di Pompano Beach “una falsità enorme , un viaggio fatto totalmente a carico dei partecipanti.

Facciamo una valutazione di altro tipo io ho sempre detto che non avrei ami fatto querele nei confronti di persone che facevano parte dell’entourage politico e ho mantenuto la parola fino a quando non si altera il decoro della persona si supera il limite senza nemmeno chiedere scusa”

La minoranza ha risposto a tutte le accuse e Sbrocca conclude “ciò di cui ci accusa è infondato è strumentale solo per attaccare, è un sindaco inadeguato: pensasse a svolgere il suo dovere.

Noi comunque lo ringraziamo che ci da tutte queste opportunità di rispondere”.