Salvini a processo, Jari Colla: «La politica della sinistra è diventata becero tifo da stadio»

Politica
giovedì 13 febbraio 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Il deputato e coordinatore molisano della Lega Jari Colla
Il deputato e coordinatore molisano della Lega Jari Colla © TermoliOnLine

TERMOLI. «Se un Ministro dell’Interno non può esercitare il proprio dovere nel pieno rispetto dei propri poteri viene meno l'autonomia della politica, della funzione governativa stessa. Questo è il punto». Commenta così il deputato leghista e coordinatore molisano Jari Colla il via libera di Palazzo Madama al processo per il leader del suo partito Matteo Salvini.

«Salvini non ha agito per interesse personale ma ha semplicemente difeso i confini del nostro paese, azione che un ministro è tenuto e dovuto a fare, anche lo stesso ministro Lamorgese in queste ultime settimane ha fatto attendere diversi giorni alcune navi prima di farle attraccare in attesa della redistribuzione nei paesi europei. Che significa questo? Che ha sequestrato chi era a bordo? Non scherziamo. Non è un caso se un avvocato di livello assoluto come Giulia Bongiorno abbia sottolineato che non è configurabile il reato di sequestro di persona. Se poi la politica della sinistra si è trasformata in becero tifo da stadio, saranno loro ad assumersi le responsabilità davanti agli italiani che assistono al triste teatrino di un governo allo sbando, che non porta provvedimenti in aula perché non si riesce a mettersi d’accordo e che distoglie l’attenzione dalle loro incapacità puntando il dito contro l’opposizione. Il nostro Paese merita di meglio».