«Di Michele a scoppio ritardato e sempre più solo»

Politica
venerdì 14 agosto 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Maricetta Chimisso
Maricetta Chimisso © Termolionline

TERMOLI. Da tempo non c'era un botta e risposta così rapido e intrigante, politicamente parlando, sulla costa. Alla replica di Nick Di Michele, dopo le affermazioni di Maricetta Chimisso, arriva la contro-replica della commissaria dem.

«E’ interessante notare come certa politica sia fatta ad orologeria e non come servizio costante per i cittadini.

Ad esempio, per conoscere l’opinione di Nick di Michele sulla vicenda Bonus e Sindaco Gravina abbiamo dovuto chiamare noi in causa il leader del Movimento 5 Stelle termolese. E invece avrebbe dovuto esprimersi lui per informare il suo elettorato, o almeno quello che ne resta, dato che i numeri per loro non sono mai stati così bassi.

In ogni caso va fatto un distinguo, perché effettivamente Nick Di Michele non rappresenta più il Movimento Cinque Stelle.

E’ ormai una stella cadente (d'altra parte siamo a pochi giorni dal 10 agosto), perché mentre lo stesso Movimento sta cambiando, lui continua a dare addosso al Partito Democratico, così come fa il suo sodale Andrea Greco, che anche ieri, pur di non ammettere che il marcio è dentro al Movimento, non ha resistito all'impulso di esprimersi contro il Pd, affermando testualmente: ‘un fatto che mi sarei aspettato da un sindaco del PD’.

Eh, sì, il Movimento Cinque Stelle ha sempre bisogno di trovare un nemico esterno per provare a salvare la faccia. Ma non sarebbe ora di diventare grandi e cominciare capire che gli errori possono commetterli anche loro?

Insomma, bisogna ricordare a Di Michele e a Greco che il Movimento 5 Stelle a livello nazionale ha governato sia con il Pd che con la Lega e che Di Maio ha da poco dato il via libera alle alleanze, compresa quella con il PD, spiegando che ‘Evolversi è giusto’.

Quindi, caro Nicola Di Michele, volente o nolente, ti ritroverai ad essere al fianco proprio di quei ‘personaggetti’ che tanto odi e che tanto avversi.

E cosa farai? Pur di starne lontano, lascerai il Movimento Cinque Stelle? O forse proverai ad evolverti anche tu?

Intanto l’unica cosa certa è che il Molise è sulle prime pagine dei quotidiani nazionali con la bella figuraccia dovuta non al Pd, non alla Lega, ma proprio all’errore di un sindaco a 5 Stelle».