«Termoli ritorni al centro del Molise», idee chiare dalla neo segretaria dem Chimisso

Politica
sabato 17 ottobre 2020
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Il Pd si rilancia a Termoli
Il Pd si rilancia a Termoli © TermoliOnLine

TERMOLI. Giuseppe De Lena, Maria Teresa Astore, Franco Scurti, Nicoletta Bartollino Emola, Matteo Caruso, Micaela De Sanctis, Oscar Scurti, Ramona Pizzella, Angelo Sbrocca, Francesca D'Anversa, Rossella D'Anversa, Giovanni Di Tella, Mano Albino, Manuela Vigilante,Michele Giuliano, Mariangela De Gregorio, Luciano Germinario, Valeria Cacchione, Ettore Fabrizio, Petronilla Di Giacobbe, Luigi Venittelli, Maria Rosaria Ciccaglione, Amerigo Niro, Nicolangelo Licursi, Emilia Bagnoli, Anna Crognale.

E' questa la squadra del Pd, 26 eletti, che rappresentano la direzione del Partito democratico a Termoli, che ieri ha eletto Maricetta Chimisso come segretaria di circolo nell'assemblea ospitata a "la Vida".

«Sul livello locale: viene posta l’esigenza di un’analisi profonda ed incisiva sul risultato delle scorse elezioni amministrative al Comune di Termoli, elezioni tenutesi nel mese di maggio del 2019 e, pertanto, il Circolo di Termoli del Pd è consapevole di dover recuperare il rapporto di empatia e fiducia con la città, lavorando affinché, con spirito costruttivo ed unitario, maturi una svolta politica, anchein linea con quanto avvenuto a livello nazionale nel Partito – ha arringato la Chimisso nel discorso d’esordio - il Pd è un partito che, fin dalla sua costituzione, ha al suo interno varie anime culturali e politiche che chiedono dialogo e confronto, franco e sincero, sulle tematiche della città e sul modo di concepire una grande forza politica. Il dialogo non deve essere avvertito come un impedimento, ma deve essere considerato una risorsa in un partito che è aperto alla società civile, all'associazionismo riformista, che vanno ascoltati e che solo con queste modalità può rappresentare nel Paese e nella nostra realtà il baluardo contro le destre e i populismi». «Anche i recenti risultati elettorali delle regionali e delle comunali, dimostrano che si è in presenza di una significativa inversione di tendenza che vede il Pd nuovamente attrattivo, dopo un periodo durato alcuni anni in cui si vedeva, la nostra forza politica, soccombere nelle diverse tornate elettorali. Lo stesso confronto e l’alleanza con il M5S e le altre forze del centro sinistra, si è dimostrata essere nei fatti una scelta positiva In sintonia con le scelte nazionali lo sguardo nella nostra comunità basso molisana, deve essere rivolto alle partiti e movimenti dell’alleanza di governo, aprendo eprivilegiando il dialogo continuo e trasparente con i dirigenti e rappresentanti istituzionalilocali, sui tanti temi che ci vedono impegnati quotidianamente a vari livelli. Quanto alla nostra città: Termoli. Partiamo da un dato di fatto: Termoli ed il Basso Molise sono bistrattati dall'attuale politica regionale.Il Partito democratico deve lanciare, quindi, la sfida per una Termoli migliore ed aprirela "vertenza Termoli" sulle tematiche della salute e, quindi, dell'offerta sanitaria, del lavoro, dell'ambiente, dell'innovazione, del sociale . L'offerta sanitaria èquella che appare agli occhi di tutti e può essere sintetizzatacon le immagini delle lunghissime liste d'attesa, per una visita specialistica o un esame diagnostico che arrivano sovente " dopo la morte ' del paziente; le deficienze dell' offerta sanitaria sono quotidiane in una realtà, il Basso Molise, dove èstato necessario un ricorso agli organi di giustizia amministrativa, sottoscritto dai sindaci e da un gruppo coraggioso di mamme, contro Regione e l’Asremper fermare lo scippo del punto nascita di Termoli».

Uno stralcio del discorso della neo segretaria, che abbiamo comunque intervistato a fine proclamazione.