Luigi Cuomo, il talent scout dell'Udinese che "tiene d'occhio" i calciatori termolesi

Calcio
Termoli giovedì 21 novembre 2019
di Michele Trombetta
Più informazioni su
Luigi Cuomo, il talent scout dell'Udinese che
Luigi Cuomo, il talent scout dell'Udinese che "tiene d'occhio" i calciatori termolesi © Termolionline.it

TERMOLI. Abbiamo contattato un osservatore che gira l'Italia del Centro Sud in lungo e in largo alla ricerca di giovani talenti calcistici da porre sotto l'attenzione di una società italiana che ha più di altre un occhio di riguardo nei confronti dei giovani calciatori, l'Udinese Calcio. Lui è Luigi Cuomo, classe 1982, nativo di Nocera Inferiore; quando era giocatore il suo ruolo era difensore centrale: del resto la sua altezza di 1,84 metri lo imponeva come ruolo.

Ritiratosi dall'attività dal 1 Luglio 2017, ha sempre disputato campionati professionistici in serie C, ha avuto anche un passaggio in serie B; le sue squadre in cui ha militato sono Salernitana, Fermana, Melfi, Potenza, Foggia, Paganese, Pergocrema, Fondi, Manfredonia, Agropoli e Nocerina. Oggi, come dicevamo, si occupa di segnalare alla società friulana i giovani talenti. Lui è stato anche a Termoli, al Difesa Grande, dove si è incontrato con un suo collega che fa il suo lavoro per conto del Valencia ma che ha incrociato spesso sui campi di calcio: Marcello Corazzini.

Luigi, tu giri in lungo e in largo il centro sud Italia alla scoperta di giovani interessanti da sottoporre all'attenzione della squadra friulana, trovi delle difficoltà a reperire materiale che possa essere utile alla causa della società del presidente Pozzo?

"L’Udinese calcio è stata tra le prime in Italia e nel mondo a fare scouting con una rete di osservatori molto attenti alla scoperta di talenti; sotto questo punto di vista noi come lavoro siamo molto agevolati".

Sei venuto spesso anche in Molise e a Termoli a visionare ragazzi, come ti è parso il lavoro che fanno sui giovani qui nella nostra regione?

"Nel Molise stiamo lavorando molto con la nostra affiliata Difesa Grande, dove ci sono alcuni esordienti interessanti che stiamo tenendo sotto occhio; infatti il prossimo mese saranno chiamati al raduno che faremo tra i migliori del sud".

Per un giovane calciatore oggi pensi che per emergere, a meno che non si è in possesso di doti innate, sia sempre più difficile oppure no?

"Sta diventando difficile perché rispetto al passato anni ‘90 manca l’attività svolta per strada che ritengo la vera formazione del bimbo, dove le ore di giochi erano tante e quindi un miglioramento quotidiano, mentre oggi è scomparsa questa cosa è il miglioramento avviene solo attraverso le scuole calcio per 2-3 volte a settimana; da non sottovalutare anche problema genitori i quali pretendono che il loro figlio diventi un campione quindi non lo lascia spensierato, ma alla fine è solo un gioco e le probabilità di diventare campioni sono bassissime!"

Questo calcio moderno tecnologico, televisivo votato soprattutto al business, rispetto a quando giocavi tu che poi non è un periodo molto lontano nel tempo, pensi possa ancora avere un futuro credibile in Italia?

"Il calcio in Italia è tra le prime 10 industrie, un business importantissimo e sarà sempre così".

Potranno essere come quelle che sta adoperando l'Udinese Calcio le politiche che possono comunque salvare in qualche modo il movimento calcistico?

“L’Udinese è una azienda che lavora per produrre talenti, i talenti aiutano a vedere un calcio divertente".

Tra le regioni che visiti nel centro sud, Luigi, quali sono quelle che hanno un bacino d'utenza numeroso e dove è più facile poter scoprire nuovi talenti per il nostro calcio?

"Ovviamente le regioni dove nascono più talenti e dove c’è più densità popolare sono Lazio, Campania e Puglia; sicuramente oggi più di allora per crescere dei talenti c’è bisogno di buoni istruttori e noi di Udinese academy facciamo tanta formazione ai tecnici come stiamo facendo a Termoli".

Per chiudere, allora, quando potremo rivederti a Termoli per un prossimo stage?

"Noi a Termoli veniamo una volta a mese, quindi a Dicembre saremo di nuovo sul territorio. A presto, speriamo".

Naturalmente lo speriamo anche noi d'incontrarci e ringraziarti di persona per la squisita cordialità concessaci e quindi, aspiranti calciatori, sappiate che l'Udinese calcio è probabilmente la società che maggiormente guarda ai giovani, un'occasione da non farsi scappare grazie a Luigi Cuomo che verrà a scrutare e chissà scoprire il vostro talento che potrebbe schiudervi porte che sembravano invalicabili.