Gianni Frate propone la commedia in tre atti “Luigino Cintalarga”

Spettacolo
sabato 15 febbraio 2020
di La Redazione
Gianni Frate
Gianni Frate © TermoliOnLine

URURI. Incontriamo il regista Gianni Frate che ci racconta com’è nata la sua commedia in tre atti “Luigino Cintalarga” che andrà in scena stasera, sabato 15 febbraio, presso il Teatro Risorgimento di Larino.

Innanzitutto, ricorda Gianni Frate che è un amante e cultore della lingua e cultura albanese, la commedia è un rifacimento della commedia “Peppini Brekusgjert” rappresentata a Ururi con grande successo nel 2014. Questa volta, a distanza di sei anni, Gianni Frate, si è cimentato nella medesima commedia in italiano e in dialetto per raggiungere un pubblico più ampio che potesse comprendere e ridere delle battute della commedia degli equivoci, tra intrecci amorosi, ruberie, chiarimenti e pentimenti e immancabile lieto fine! Quindi, dopo il successo di Ururi e Portocannone, più volte replicato, anche gli altri cittadini non albanofoni potranno godere di questo spettacolo teatrale della durata, di due ore. Il messaggio infatti che si intende far passare è che, al di là di una lingua, ci sono storie universali che possono benissimo essere proposte in diverse lingue, diversi Paesi, al di là di alcune specificità, perché le vicende umane accomunano un po’ tutti! La commedia è stata anche un po’ rivisitata con nuove battute, musiche e balletti grazie anche all’attore Felipe Aponte che è anche un ballerino.

La prima sarà a Larino, immancabile tappa sarà Ururi che così conoscerà le due versioni in arbereshe ed in italiano, da confermare anche la data di Guglionesi e sicuramente ci saranno altri appuntamenti in giro per il Molise con la compagnia teatrale di Ururi “ Sorrisi e Follie” che quindi porterà in scena “Luigini Cintalarga”commedia in tre atti scritta e diretta daGianni Frate interpretata da: Italia Ferrara nel ruolo di Aduccia; Leo Di Giacomo )Angiolino); Anna Morricone (Lisa), Dea D Lena (Maria); Antonio Iannacci (Luigino); Emanuela Molinara (Teresa); Felipe Aponte (Felipe). Sarà una serata di beneficenzapatrocinata dal Comune di Larino e dal Lions Club di Larino e Lions International in quanto, i proventi ottenuti dalla serata per mezzo di sottoscrizioni volontarie verranno destinati all’adozione di cani randagi che verranno addestrati al riconoscimento di crisi glicemiche nelle persone affette da diabete. La lotta al randagismo che si coniuga alla lotta al diabete grazie alla cultura, all’arte, all’estro del regista Gianni Frate e della sua compagnia teatrale!