Tragedia del sabato sera sulla statale 16, disperazione e cordoglio per Sara

Cronaca
domenica 18 ottobre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
I soccorritori sul posto
I soccorritori sul posto © TermoliOnline.it

TERMOLI. Un sabato sera terribile, quello vissuto ieri sulla costa, a causa del tragico incidente che ha spezzato la giovane vita di una 17enne, Sara Favia. Inimmaginabile il dolore atroce dei familiari, che solo 5 mesi fa, il 18 maggio, ne festeggiavano i 17 anni. Dalle 21 in poi, quando si è venuto a sapere cosa fosse successo sulla statale 16, sui social è stato un tam-tam di commenti e messaggi di cordoglio e disperazione.

Una ragazza benvoluta da tutti, Sara, il cui destino infausto ha fatto calare la penombra sul morale della comunità termolese. Il 2020 si conferma da dimenticare anche sulle tragedie stradali, dopo un'estate di lutti e un autunno che denota le stesse luttuose vicende.

Ora la salma della studentessa si trova all'obitorio dell'ospedale San Pio di Vasto, dove è stata ricomposta non appena è giunto il nulla osta dalla Procura di Vasto alla rimozione dal luogo dell'incidente, dopo la rotonda di San Salvo Marina, con la Fiat Panda condotta da un 18enne che si è schiantata contro una ringhiera metallica, a causa di una uscita di strada sulla cui dinamica stanno indagando i Carabinieri di Vasto e San Salvo.

Ora si attendono le decisioni a riguardo del Pm che ha in carico il fascicolo, aperto verosimilmente per omicidio stradale, ai sensi della normativa vigente, se limitarsi all'ispezione cadaverica esterna oppure disporre anche l'autopsia.

Il conducente è stato trasportato sempre al San Pio, con un trauma cranico, dall'ambulanza della Misericordia di Termoli proveniente dalla postazione di Montenero di Bisaccia, in ausilio al 118 Abruzzo, ferita anche un'altra 18enne, illesa ma sotto choc la terza ragazza, anche lei di 18 anni. Tutti studenti di scuole superiori termolesi, tutti amici.

Alla famiglia di Sara il cordoglio di Termolionline.