Pagare 300 euro per prendere parte alla gara, l'Acem contro il Comune di Capracotta

Flash News
Termoli giovedì 11 maggio 2017
di Emanuele Bracone
Più informazioni su
Pagare 300 euro per prendere parte alla gara, l'Acem contro il Comune di Capracotta
Pagare 300 euro per prendere parte alla gara, l'Acem contro il Comune di Capracotta © n.c.
CAMPOBASSO. Con una nota a firma del presidente Corrado Di Niro, questa mattina l’Acem si è rivolta direttamente all’Ente appaltante, per esternare il disappunto sul bando riguardante i lavori di miglioramento sismico del Municipio di Capracotta che impone immotivatamente il pagamento della somma di 300 euro per il ritiro del file zip del progetto a pena di esclusione dalla gara, in un momento peraltro assai difficoltoso per le imprese. L’Associazione ha richiamato varie pronunzie dell’Autorità Anticorruzione, in cui quest’ultima ha sempre rimarcato che è ammesso richiedere alle imprese soltanto semplici rimborsi spese per la riproduzione di documenti di gara, ma non costi così elevati da costituire una vera e propria tassa di partecipazione che, sempre secondo l’Anac, costituisce un ostacolo alla libera partecipazione agli appalti da parte degli operatori economici. La cosa è tanto più grave – sottolinea l’Acem -  se si considera che con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa l’elaborato progettuale (ritirabile al prezzo di 300 euro) è condizione indispensabile per poter produrre le migliorie  per concorrere alla gara. “Non possiamo accettare una cosa del genere – dichiara il presidente Corrado Di Niro – in quanto si tratta di un onere lesivo della concorrenza degli appalti, per questo abbiamo richiesto all’Ente di rivedere il bando ed eliminare questa astrusità”.